NICK CAVE & THE BAD SEEDS -“The Boatman’s Call & Let Love In”

the boatman

NICK CAVE & THE BAD SEEDS – “The Boatman’s Call & Let Love In”

Certi dischi sono l’equivalente di fare seppuku partendo dai testicoli passando per lo stomaco arrivando al cuore. Una martellata fa meno male,ma non puoi fare a meno di ascoltarli. Aiutano a soffrire meno. Ti fortificano.”

Mi diletto in a studiare psicologia. Mi piace, cerco di capire come ragionano gli altre bipedi miei simili, cerco di trovare e razionalizzare quasi tutto quello che dicono e fanno – è una fissa mia, non posso farci niente. Ora, temo di essere stato molto spregiudicato nel volere portare avanti questa fissa per troppo tempo – e c’ho rimesso salute . Questa convinzione nasce dal fatto che sono inciampato, come tutti, nell’ amore e nell’ infatuazione. E sì, anche nel sesso (un gran bel inciampare) . Ed ecco il punto – Nessuno è riuscito a spiegarmi come si facesse a giungere dall’una all’altra cosa. Ciò naturalmente ha portato a situazioni nate storte, traumi, cicatrici (evolutesi poi in tatuaggi – mappe del vissuto) e chi più ne ha più ne metta

La cosa divertente è che sono sempre stato una persona emotiva. Quel tipo di persona che non batterebbe ciglio davanti a una rissa ma che se vede un cagnetto abbandonato potrebbe (potrei?) mettermi a frignare come un bambino di 5 anni quando in Bambi sparano alla madre del suddetto cerbiatto. La misa di tough guy aiuta ma fino ad un certo punto. Eh va beh.

Parlare d’amore è difficile. Specialmente per come ho sempre usato in maniera consistente questi dischi per spiegare a me stesso (prima che qualcuno mi mostrasse la via sequenziale al cuore di una donna : inevitabilmente bisogna passare dalle mutande) come fosse possibile commettere sempre gli stessi errori, allontanando persone che avrebbero potuto diventare anche importanti.

Cave ne sa ben più di qualcosa. Scrittore prolifico, ha composto album validissimi dal punto di vista lirico almeno quanto musicale e quasi sempre i testi si accompagnano a un bel tortino di dolore, spruzzato di sangue (murder ballads anyone?),sturm und drang fatto di blues & angst, impressioni dark e & storie di ordinaria follia. E amore. Le incisioni di The Boatman’s Call – in realtà un album doppio, se si contano gli outtakes ora reperbili in B Sides & Rarities – e Let Love In trattano esclusivamente della relazione finita nel cesso con la cantante PJ Harvey. Non mi dilungherò nei gossip – se ne è già scritto abbastanza nei tabloid,io di mio ci metto un po di gonzo (quello dei Muppets) journalism alla bene e meglio sperando di non vomitare arcobaleni neri di zucchero filato e rasoi in faccia a nessuno.

“Ho cercato nei libri sacri Provando a svelare il mistero di Gesù Cristo,il savatore 

 Ho letto i poeti e gli analisti Cercando attraverso i libri del comportamento umano

 Ho viaggiato per tutto il mondo  Cercando una risposta che rifiuta di farsi trovare

 Non so il perché e non so come  Ma lei non è di nessuno adesso”

2a canzone – Sono già a terra per ko tecnico.E’ La mia tesi circa quale l’uomo che si innamora parte per la tangente e diventa della donna. Diventa, in poche parole, un grosso cane idiota. E inevitabilmente, il più delle volte , con questa mentalità sottomessa, finisce male. Si ricercano spiegazioni ovunque per razionalizzare il dolore della perdita dell’amore – ma alla fine di spiegazioni non bisogna cercarne in qualcosa che di fondo è avulso di logica.

A me successe quasi due volte di innamorarmi. Dico quasi visto che entrambe le volte non fui ricambiato. La prima mi portò alla deriva, letteralmente. Finì a Edimburgo, Scozia. Un trip allucinato e allucinante dove , come insegna il buon vecchio Cave , ti butti giù con qualsiasi cosa sia illecito e, quindi , permesso per curarsi l’opprimente sensazione di buco nero nel petto. Tornai a casa dopo, ma con un coro di scimmiette da gestire (= per chi non lo sapesse,”avere la scimmia” vuol dire essere dipendenti da qualcosa). Ne uscì abbastanza stortato, comunque. Cambiato,probabilmente in peggio. Una parte di me suppose che passare per le mutande e pretendere sentimenti in cambio fosse un tantinello errato, quindi cambiai tattica. Decisi di inseguire l’infatuazione e farla sviluppare prima di qualsiasi altro rapporto di natura sessuale. Ovviamente, sbagliavo. Pagai molto tempo dopo questa mia stupidità – e subìì un embargo di figa a dir poco apocalittico e quasi totale. I maschietti sensibili fanno cagare,a meno che non siano celebrità, è giusto dirlo – Touchè!

“Let Love In” è il secondo disco che ho scelto per questa ragione. Decisamente molto più cupo ,tratta ancora in larga parte di depressione post sbornia d’amore e le conseguenze distruttive dell’assenza dell’ oggetto del desiderio.Il tappeto musicale è allargato – laddove The Boatman’s… rimane perlopiù pianistico, melaconico e intimo,Let Love In è più vario, tetro a tratti e sofferto. C’e rabbia e tristezza. Anche la trasformazione dello stesso Cave in un demonio nel pezzo intitolato “Loverman” è significativa – la volpe che non può avere l’uva si trova a doverla odiare. E ci ritorna. E soffre ancora, e non impara la lezione, pur trovandosi a pregare per averne ancora i pensando di poterla avere, o sedurre, compromettendosi anche solo col sesso.

La seconda volta è stata più recente. Avevo deciso di divenire assesuato e chiudermi nella misantropia più totale come schermo difensivo per, diciamolo, un mondo di puttane ( Sono democratico – ci sono puttane maschi e femmine, risparmiate la critica sui gender roles a qualcun altro). Mi trovavo a lavorare per una ditta di stampanti, sottopagato, trattato come una merda. E BOOM, successe di nuovo. Clamorosamente e con mia sorpresa, pensai d’essermi innamorato ancora (imparari dopo – era infatuazione fin troppo intensa per vedersi come normale,almeno agli inizi del conoscersi senza precedenti appuntamenti nè sesso. Eh vabbeh.). Fui colpito da questa esperienza e sperimentai dapprima un Piacevole senso di appagamento, voglia malsana di romanticismo e la sua controparte fisica animalesca e poi,immancabilmente… Panico. Nausea. Il terrore di venire ferito e respinto ancora dietro l’angolo, il terrore di non essere abbastanza, il non sapere come gestire l’altro che pare ricambiare sinceramente, la paura di finire all’angolo, come un cane abbandonato in autostrada. Il vago sospetto di essere messo “in prova” nei confronti di qualcun altro, il non sapere che passi fare non avendo mai avuto uno straccio di relazione. Finì male. Malissimo. La respinsi per paura,pur volendola e la cercai ancora, quando l’avevo già persa. Un pattern che avevo seguito anche con il primo innamoramento e diverse altre donne. Divenni in buona sostanza accondiscendente, timoroso di perderla,stupido, capriccioso e feci come Cave in “Loverman” e piano piano la voglia di conoscersi di entrambi divenne una fiammella accesa solo da parte mia. Inseguivo un fantasma senza sapere cosa provassi e me ne struggevo. Alla fine,capii, ero infatuato fuori tempo di lei e innamorato dell’idea del venire amato – ma ne avevo una paura fottuta.

Beh sono stato legato e imbavagliato e sono stato terrorizzato

E sono stato castrato e sono stato lobotomizzato 

Ma mai il mio tormentatore venne con un travestimento così astuto

Ho lasciato entrare l’amore. Ho lasciato entrare l’amore”

Studiai molto,cercai di distrarmi,uscii con altre donne,mi feci fegato e testa grossa ma niente – la pensavo ancora. Divenni prolifico,come mio solito quando devo eviscerare un emozione, nello scrivere . Ci ritrovammo qualche mese dopo (Dio,Satana o Babbo Natale devono avere uno strano senso dello humor), e la ciliegina sulla torta fu un altro mezzo rifiuto da parte sua in quanto ora già impegnata con un altro ragazzo. Comprensibile. Chiunque fosse (o sia) il finocchio in questione a me importava assai poco e decisi di andare avanti – ma se non altro non finì come la prima ragazza di cui mi presi la prima volta – insieme a uno spacciatore mezzo deficente che potrebbe essere mio padre.

Sembrerà pazzesco, ma voglio bene a entrambe queste ragazze. Sono state parte di un esperienza che per quanto massacrante mi ha insegnato l’ordine giusto (attrazione sessuale > sesso > infatuazione > amore = c’èst la nature! ) ,il tempo giusto, per fare e dire cose, pretendere rispetto per me stesso prima che dagli altri. Sono cresciuto anche a questa esperienze. Più conscio di come vanno le cose e che forse alle volte è meglio farsi una scopata senza troppi grilli per la testa piuttosto che gettare il cuore e i visceri fin da subito in faccia a qualcuno. L’Emozione fa più paura delle secrezioni intime altrui, abbastanza pazzesco, ma è così.

Non negherò il dolore provato a che a giorni ancora mi divora. Probabilmente sbaglio, ma l’ipotesi del poter aver accidentalmente fatto a pezzi qualcosa che potesse evolvere in altro di più bello e importante credo mi segnerà per un bel pezzo. E non nego nemmeno che magari più in là anche per me capiti la volta buona risolto il mio pigmaglione di cui sopra, ma per dirla come Cave…

Quindi se sei seduto tutto da solo e senti che bussano alla tua porta

E l’aria è piena di promesse, beh amico, sei stato avvisato

Ben peggio d’essere l’Amante dell’Amore è essere l’Amante che l’Amore ha disprezzato

Ho lasciato entrare l’amore

Lezione imparata,anche grazie a Cave. Punti messi belli stretti, si tira dritto.

Consiglio questi dischi a : tutti i fan di Cave, chiunque abbia avuto o sia nel mezzo di una separazione – fanno miracoli più di una scatola di cioccolatini, antidepressivi e malox insieme.

let love

 

Certain records are the quivalent of doing seppuku starting from the testicles passing through the stomach and getting to the heart. A hammer blow is less painful ,but you can do without listening to them . They helps you to suffer less and less . They strenghten you

I enjoy studying psychology . I love it, truing to understand my other fellow bipeds , trying to rationalize every thing they do or say – its one of my fixations, cant do nothing about it . Now , i believe ive been extremly prejudiced in draggin on this fixation for a long time – and i lost some health on it . This convinction is born out of the fact that i stumbled, like everybody ,in love and infatuation . And yeah , even in sex (a rather good stumbling) . And here’s the point – No one has explained to me how to get from one thing to the other . That naturally has brung lotsa of crooked situations , traumas , scars ( evolved then in tattoos – maps of the living ) and whatever you can add

The funny thing is that i always been a rather emotive person . That type of person who wouldnt blink an eye before a brawl but if if that person sees a doggy abandoned somewhere may (could i?) may start to whine like a 5 years old kid , when in Bambi some bastard shoot down the mother of the aforementioned deer. The tough guy look helps only to a certain point. Eh whatever.

Talking about love is hard. Especially for how i used these records to explain to myself (before someone showed me the sequential steps to reach a girl’s heart : you have to pass through her pants, inevitably ) how i could commit always the same mistakes , pushing away people that could have become even important to me.

Cave knows this more than enough . Prolific writer, he has composed godly albums from a lyrical standpoint and musically -and almost always these lyrics are taken in with a nice pie made of pain, splashed with blood (murder ballads anyone?),sturm und drang made of blues & angst, dark impressions & stories of ordinary madness. And love . The incisions of The Boatman’s Call – a double album in truth, if you consider the outtakes now avaiable in B Sides & Rarities – and Let Love In treats almost exclusivly of the relationship gone down the drain with the lady singer ,ms PJ Harvey. I would not indulge into any gossip – there is more than enough shit in tabloids , i on my side put on some improvised Gonzo (the one from the Muppets) journalism hoping to not puke dark raimbows of cotton candy and razors in the face of nobody.

“I’ve searched the holy books Tried to unravel the mystery of Jesus Christ, the saviour

I’ve read the poets and the analysts Searched through the books on human behaviour

I travelled the whole world around For an answer that refused to be found

I don’t know why and I don’t know how But she’s nobody’s baby now”

2nd Song – im already down of a techincal ko .It’s my tesis regarding the man that falls in love gets as mad as he can and he becomes propety of the woman. He becomes, in short , a big stupid lapdog. And inevitably , most of the times , with that subjugated mentality , it ends in shit . On goes the research to explain and rationalize the pain for the loss of love – – but in the end you dont have to search for reasons for something that is avulsed by logic in its own being.

It happened to me two times to almost fall in love. I say almost cos in each cases it was unrequited. the first time took my astray , literally. I ended up my roaming in Edimburgh, Scotland. An hallucinated and hallucinating trip where , as the gold ol Cave teaches , you throw yourself down on everything that is illecit and, of course, permitted to cure the oppressing sensation of a black hole in the chest. I returned home after that, bu with a chorus of monkey to tame (= fo who doesnt know ,”having a monkey on your back” means being addicted to something). I got out of it a bit crooked , anwyay. Changed , probably ffor the worst . A part of me supped that passing through the panties and pretend reciprocated feelings was a tad wrong, so i changed my approach. I decided to follow the infatuation and made it develop before whatever kind of sexual relationship. Obliviously , i was wrong. Long after this i ended up paying for my stupidity – and i had an almost apocalyptic and almost total pussy embargo right after. Sensitives males just makes everyone puke ,unless you’re a celebrity, it is right to admit that – Touchè!

“Let Love In” is the second album i choosed for this reason. Far more darkly ,it deals for the most part with the depression made out from the posthomous love hangover and the destructive consequences of the absence of the object of desire .The musical carpet is widened – where The Boatman’s… remains more pinistic, melaconich and intimate ,Let Love In is more various, gloomy and suffered. There’s rage and sadness. Even the methamorphosis of Cave in the piece entitled “Loverman” is significant – the fox that cannot have the grape must be forced to hate it. And he gets back to it. And he suffer still , and he didnt learn the lesson,even finding himself praying to have some of it i thinking about having it , trying to seduce what he wants , compromising himself even with sex.

The second time i fell for someone was just recently . I had decided to get totally asexual and use misanthropy as a defensive wall against ,well lets say it, a world of whores ( im democratic -there are either males and female whore, spare me the critic on gender roles ). I was working for a printer firm, underpaided, treaten like shit . And – BOOM, it happed again . Blantantly and to my surprise, i thought i had fell in love again (then i realized – it was infatuation but way too much intense to be seen as normal ,at least at the very begginning of getting to know each other without dates nor sex. Eh whatever.). I’ve been struck with this experience and i experimented in the beginning a pleasurable sense of fullfilment , an unhealthy desire for romance and its physical animalistic counterpart and then ,of course… Panic. Nausea. The terror of being hurt and reject  was around the corner , the fear of not being good enough, the not knowing of how to approach the other who seems to reciprocate honeslty, the fear of getting pushed to the wall and abandoned like a dog on a highway. The vague suspect of being put “on trial” against someone else, the fear of not knowing of what steps to take not having had a fucking relationship before. It ended badly. Very fucking bad. I rejected her pushing her away ,yet wanting her and seeking her, when i had already lost her. A pattern that i had with the first love i had and certain other women right after . I become essentialy really condescending, fearing her loss, plain stupid , whiny and i did as Cave did in “Loverman” and little by little the desire to know each other both became a little flame kindled only on my part . I was running after a ghost without really knowing what i was feeling . In the end i got to understand ,i was infatuated out of step of her and in love with the idea of being loved -but i was scared to death about it.

“Well, I’ve been bound and gagged and I’ve been terrorized

And I’ve been castrated and I’ve been lobotomized

But never has my tormentor come in such a cunning disguise

I let love in. I let love in”

I studied alot,trying to get over it,dating other women ,destroying my livers and my brain but nothing helped through – i was thinking about her still . i became proficient ,as im used to when i had to eviscerate and emotion, in writing . We found each other some months later (God ,Satan of Santa Claus must have a strange sense of humor ), and the icing on the cake was another half a refusal on her part since now she was already involved with another guy. Understandable. Whatever he was (or is ) the faggot mentioned didnt really bother ed me and i decided to move on – if anything it didt ended like the first girl I fell for the first – involved with a moronic pusher who could be my father

It may look absurd, but i love both of these girls . They have been of an experience that taught me the right order of things (sexual attraction > sex > infatuation > love = c’èst la nature! ) ,the right timing , to do and say things, asking myself to be respect for myself before others . I’ve grown up thankfully to that experiences . More conscious of how things goes and that sometimes it is better to have a screw without too many thoughts around the head rather than throwing your heart and guts in the face of someone. Emotion is more disgusting than sexual secrations , quite impressive to admit , but it is like it is.

I will not deny the pain i felt and that in some days still devours me . Probably im wrong , but the idea of having accidentally torn apart something that could have evolved into another more beautiful and important thing I believe that will mark me for a long time. And I do not deny that even for me perhaps the right time for this will come cos i resolved my problems, but to put it as Cave put it…

“So if you’re sitting all alone and hear a-knocking at your door

And the air is full of promises, well buddy, you’ve been warned

Far worse to be Love’s lover than the lover that Love has scorned

I let love in”

Lesson learnt,even thanks to Cave. Stitches pull tighter , and on we go forward.

I reccomend these records to : all Cave fans, and whoever can be in the midst of a breakup – these records can be miracles and more effective thana a box of chocolates, anti depressives & digestives althogheter .

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...