DALEK- “Asphalt From Eden”

dalek cover

“L’ Hip Hop è strada, credo e appartenenza.”

“Si ma tu sei bianco, borghese e quasi sicuramente vivi con i tuoi. Sei un pagliaccio.”

“Fottiti fra non capisci un cazzo!!” e via col dissing

Se c’è una cosa che mi fa incazzare come poche altre cose oggi, è l’appropriazione culturale. Dicasi semplicemente quando un dato soggetto o più soggetti si prendano indebitamente un qualcosa che è tipico di un posto / cultura / personaggi e ne acquisicono tutti i tratti. Tutti. Non si tratta di semplice ispirazione – si tratta di frode, ai miei occhi. E’ un indossare un costume e fare di ogni giorno un giorno buono per festaggiare halloween, facendo e giustificando per altro scelte di vita assai discutibili. E’ una pagliacciata, punto e a capo. Quando qualcosa nasce nei ghetti per anestetizzare i dolori di una vita difficile e la utilizzi per adescare ragazzine beh amico, non ci siamo.

Andavo per concerti un giorno,un giorno come tanti. Inutile spiegare dove cazzo fossi di preciso perchè non lo ricordo – tempo addietro quando andavo per concerti (sembra preistoria ma non lo è) ero tipico bere molto. Molto inteso come “ah sono ancora sveglio, vediamo di rimediare” come tipo di idea, ecco. Perchè ? ero giovane e idiota. Va bene così come giustificazione.

Comunque,si andava per concerti. Era un concerto hip hop, da quel che ricordo. Una open mic competition – googlatevi che vuol dire se non lo sapete – quindi c’era nell’aria insieme al forte odore di canne anche un certo magnetismo. C’era voglia palpabile di sentire qualcosa di nuovo, c’era voglia di fare casino, e a parte le divise d’appartenenza della sottocultura e look ridicoli (ogni sottocultura ne ha diversi x ogni stagione) era tutto molto promettente. Se non fosse stato per il mio senso dello humor che tende a farsi fin troppo penetrate e che più volte mi ha causato ben più di qualche problema, sempre e comunque con me.

Premessa – per me l’hip hop è un genere che mi causa l’orticaria. Pur apprezzandolo ( si parla di gente come KRS-One, Kaotic Style, Vinnie Paz AKA Jedi Mind Tricks, Felipe Coronel AKA Immortal Technique, Deltron 3030, Cage,Death Grips,Cannibal OX, J.Cole,Black Moon,etc … devo continuare? ma anche no) e comunque biasimandone certi aspetti,non posso fare a meno di ridere quando vedo ragazzini bianchi buttarsi in vere e proprie crociate a difese di un genere che di fondo non gli appartiene. O meglio (peggio!) ancora divenire l’incarnazione del rapper di turno. Solitamente grossi nomi, solitamente pagliacci che più fanno i pagliacci, più hanno pagliacci che li seguono – ma è l’umanita,i guess. Di peggio ci sono solo i rastafariani bianchi e detto ciò #estinzioneoraplease

Parte l’open mic night. Sul palco più improperi che un malato affetto dalla sindrome di Tourette, improperi e nomi di battaglia con flavor estero assai risibili come “fuck u brah” “da hood prince” “daddy big moneyz” “hoesbraker” e “baestealer” (ques’ultimi un duo), pose da gente vissuta nel quartiere difficile dietro il centro commerciale IKEA, e via discorrendo con le cazzate. C’è di bello che ero ubriaco quindi vedere breakdance ecc aggiungeva al tutto un tocco più passabile . Passabile quanto può essere andare al circo ed essere in compagnia di vegani antispecisti incazzati e che non scopano da settimane per la paura di sprecare sali minerali e perpetrare genocidi…ma sto degenerando.

Ad un certo punto, dal nulla (o per meglio sul palco composto d’assi di legno scadente) sale un giovane tutto tatuaggi new school ,pantaloncini e nike jumbo clamorosamente troppo grandi per non destare qualche sorriso.Parte il dissing a uno che non mi sono premunito di ricorda, tale Egidio (ma che nome è?) e si scatena un mezzo casino. Volano altri insulti alla mamma di Egidio, due cose che dovevano essere pugni ma sembravano zampate di gattini, sputi,altri insulti. Poi il tizio comincia a rappare. Ottima azione di marketing, il pubblico si scatena. Mani che fanno il cazzo di gesto come se si stesse intimando di abbassare il volume (non ho idea di come si chiami) e mi associo. Sembravano una congrega di gibboni, comunque. E io? Niente. Come mio solito non ho potuto fare a meno di tenere la lingua in mezzo ai denti – e approffitando che l’hipster in misa di hip hopper dovesse rifiatare, ho domandato cosa fosse l’hip hop. Ad alta voce. La folla mi ha guardato come se avessi posto la domanda del secolo,e da qui, beh, vedete il dialogo iniziale per capire come è andata a finire. In breve ci guadagnai un livido sul collo che pareva un succhiotto, due pedate nel culo che chiamarle così sembra un insulto a Chuck Norris e lui diciamo che non potè finire la performace, ma se non altro gli feci ancora un po di pubblicità. L’ultima volta che l’ho visto aveva ciuffo, occhiali senza lenti, e barba. Si riciclò come singer di un gruppo indie rock che tanto piace alle minorenni che hanno voglia di crescere in fretta – diciamo più consono a quello che dovrebbe fare un maschio bianco e filo borghese. Lo ritrovai a un concerto hardcore e fece finte di non conoscermi. Buon per lui!

L’hip hop è protesta. Lo sanno bene Will Brooks (a.k.a. MC Dälek) e Alap Momin (a.k.a. The Oktopus)- ovvero i Dälek. In giro dagli anni 90 , hanno creato qualcosa che trascende l’hip hop nei suoi canoni triti e ritriti – tramite suoni elettronici, industriali, beats così mastodontici da sembrare suonati da una band (sentitevi l’album “Absence” e parliamone), trip hop lacerato e lacerante, testi politicizzati e allo stesso tempo personale. Qui non c’è spazio per bling bling e altre cazzate. Si rappa perchè si deve farlo, perchè se non ci si sfoga si marcisce dentro. Si rappa perchè è parte integrante di un certo cerchio culturale (emarginati sociali, e qui ci sono immigrati di ogni forma, credo e categoria) e se ne è orgogliosi. Si rappa per ribadire insegnamenti – non raro è infatti l’utilizzo di samples di discorsi politicoreligiosi – che dovrebbero essere passati ai propri simili. Si rappa perchè ci sono cose da dire e bisogna dirle con ritmo e con un suono micidiale – e di certo uno dei padri putativi dell’ hip hop militante ,il mai troppo compianto pre-rapper,poeta,e cantante r’n’b Gil Scott Heron, ne sarebbe stato fiero. Si rappa perchè nel 2016 ancora ci sono vittime a causa del razzismo, si rappa perchè l’hip hop è qualcosa che deve ritornare alle proprie origini,. Si fa musica per necessità. MC Dälek sputa rabbia e amarezza con un flow carico di poesia, e rime mai banali e il tessuto sonoro segue a ruota. Con pochi altri, i Dälek possono considerarsi sono un gruppo Hip Hop maiuscolo e degno di essere apprezzato ANCHE da quella fetta di ascoltatori che del genere magari apprezza il lato meramente estetico ancora prima che culturale. Con buona pace di quelli che ormai l’hip hop lo ascoltano anche in spiaggia tra un tormentone estivo e l’altro

Consiglio a fan di : Prodigy per l’impatto dei beats,Massive Attack, Portishead, Tricky, e tutta la compagnia filo elettronica annoverata come trip-hop. Ma non fate l’errore di considerarli tali .Questo E’ Hip Hop

dalek band

 

“Hip Hop is the street, creed & brotherhood .”

“Yes but you’re white,well-off and almost for sure you live with your parents. You’re a clown.”

“Fuck you brah you dont understand shit!!” and so goes the dissing

If there is something that makes me really mad nowdays, is cultural misappropiation . Said when a certain one or more people decide to take incorrectly something that is typical from a place / culture / characters and dress their every aspect . Every one. It is not only a quesiton of imitation – its a fraud, to my eyes. Its dressing up a costume pretending everyday is halloween, making or justifying sometimes very despicable life choices . It is a facade , case and point . When something is born out of ghettos to anesthetize the pains of a difficult life and you use it to seduce young girls well friend, i got bad news for you.

I was going for gigs one day ,one day like another . Worthless to say where i was roaming cos i dont rember it anyway- so long ago when i used to go to gigs (looks like prehistory to me ) i used to drink alot. Alot meant in the “ah im still walking, lets try to put an end to it” kind of vibe. Why ? i was very young and very stupid. It is more than enough as an explanation.

Anyway,i was going for gigs . It was an hip hop gig, as far as i can rember. One open mic competition – google that if you dont know what it means – so in the air along with the smell of joints there was a certain magnetic aura . There was a palpable felling that the desire to hear somthing new was ther , there was the desire to make rucks, and aside of the uniform of the aforementioned subculture and some laughable variations ( every subculture has em for every season) everything was looking pretty promising. If it wasnt for my sense of humor that tends always to be a little bit too penetreting and that more than once caused me more than one problem ,dang

Preamble – for me hip hop is a nettle rash inducing genre . Even if i do like it ( speaking of people like KRS-One, Kaotic Style, Vinnie Paz AKA Jedi Mind Tricks, Felipe Coronel AKA Immortal Technique, Deltron 3030, Cage,Death Grips,Cannibal OX, J.Cole,Black Moon,etc … should i go on? no please)and still blaming it for certain aspects ,i cant help but laugh when i see white kids throwing themselves in crusades to defend a genre that,all in all, doesnt belong to them. Or better (worse !) becoming the incarnation of a certain famous rapper. Most of times a big name, sometimes a the type of clowns that acting like clowns have more clowns that follow em – but its humanity ,i guess. Only worse that that is white rastafarians and that being said #extinctionplease

The open mic night starts. On stage there’s more throwing of curse words than a entire church filled with Tourette afflicted patiens ,and laughable battle names with a abrod flavor like “fuck u brah” “da hood prince” “daddy big moneyz” “hoesbraker” e “baestealer” (the latter were a duo), the usual poses of hard people born behind the most popular maket store you can think of, hard life stories and so on with the BS . A thing to add is me being drunk and assisting to break dance moves made all more pleasurable ,tho. Pleasurable as can be going to a circus with a bunch of antispecists vegan activists that didnt fucked for months with the fear to waste precious minerals and commit a genocide …but im degenerating now.

At a certain point, from nowhere ( or rather be saying from the back of the rooten wood branches used as stages) comes a young guy full of new school tattoos ,shorts & jumbo nikes way too big to not cause some laugh . Dissing starts aimed to some poor fuck i didnt wanted to rember, aka Egidio (the fucking name it is btw?) and a certain choas develops. Some insults at Egidio’s mommy are being thrown here in there, as well as two things that rensemble more baby kitty scratches but were suppoed punches , spits ,more dissing . The the guy in shorts starts to rap. An optimal maketing action, and the audience goes wild. Hand that make the gesture of intimating to low down the volumes start to rise ( i dont know what is the tag for that move anywya ) and so i do the same. The crowd looked like a crowd of gibbons, anyway. But i? well, i was doing nothing. But as the usual i cannot but help to not held my tongue in my mouth – and taking advantage of the hispter dressed as an hip hopper needed to breathe,i asked what hip hop was. Louder and louder. The crowd looked at me like i had just asked the final question ever ,and from here , well , you can see that dialogue in the beginning in the article and you can guess how it went . in short i gained a livid on my neck that looked like a hickey , two kicks in my ass that called that may be an insult to Chuck Norris himself,and the guy in shorts…. lets just say he didnt ended his performance , but in the end i made him gain some notoriety. The last time i seen him he had this hair tuft , glasses without lenses, and a beard. Her recycled himself as an indie rock singer that appeals so much to minor girls who wanna grew up quickly – let’s say some more in accordance with what a white and almost bourgeois male should be doing . I later crossed him again to an hardcore gig, but he pretedend he didnt know me . Good for him!

Hop Hop is protest . Will Brooks (a.k.a. MC Dälek) e Alap Momin (a.k.a. The Oktopus)or simply Dälek, know that well . Around from the 90s , they created something that trascends hip hop in his over abused canons – with electronic sounds , industrial and drony samples, a section of mastodontic beats that seems to listen to a whole band playing em (go listen to the “Absence” record and let’s have a talk about it), its lacerated and lacerating trip hop, with political yet personal lyrics. There’s no room here for bling bling and other bullshit. They rap cos they need to do it, they rap cos otherwhise they’ll rot inside. They raps cos they are part of some social circle (social outcasts and i domean every category of immigrants , creed and category ) and they’re proud of it. They rap to enforce and adress certain knowledge that seems forgotten – not rare is the reference in sound samples to sociopolitical causes – that should be passed to his own peers . They rap cos they got something to say and they have to say it with a killer rhytm and a deadly sound – and for sure one of the forefathers of militant hip hop ,the never mourned enough pre-rapper,poet and signer Gil Scott Heron, would have been proud. They rap cos in 2016 there are still victims of racism, they rap cos they know that hip hop needs to go back to his roots. They make music out of necessity to speak out. MC Dälek spits rage and bitterness with a flow rich of poetry , with never cheap rhymes and the sonic construct fallow suit. With few others, Dälek can be as a relevant Hip Hop band that needs to be appreciated EVEN form those that appreciate the genre just from a esthetic standpoint prior than cultural . Letting aside thos that listen to hip hop sitting in the beach in the midst of a smash hit and the other

Reccomended for fans of : Prodigy for the beats impact,Massive Attack, Portishead, Tricky, and almost all electronic bands that has been labeled as trip-hop. But dont make the mistake of labeling them like that.This IS Hip Hop

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...